Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 2346 - pubb. 07/09/2010

Decreto di chiusura del fallimento, oggetto del reclamo e limiti

Appello Reggio Calabria, 14 Maggio 2010. Est. Lombardo.


Fallimento – Chiusura del fallimento – Reclamo avverso il decreto di chiusura – Cognizione del giudice in sede di reclamo.

Fallimento – Chiusura del fallimento – Reclamo avverso il decreto di chiusura del fallimento – Inammissibilità. (07/09/2010)



La cognizione rimessa al giudice in sede di reclamo ai sensi dell‘art. 119, 2° comma della  legge fallimentare avverso il decreto di chiusura del fallimento è limitata alla verifica della sussistenza di uno dei casi di chiusura di cui ai numeri da 1) a 4) dell'art. 118 della stessa legge, in quanto tale rimedio è predisposto  per  porre in discussione la configurabilità, in concreto, dello specifico caso. (Giovanni Carmellino) (riproduzione riservata)

E’ inammissibile il reclamo proposto avverso il decreto ex art. 119, legge fallimentare qualora il ricorrente non abbia dedotto l'insussistenza di una delle ipotesi di chiusura del fallimento, limitandosi, ad esempio, a censurare  tale decreto perché illegittimo e causa di grave pregiudizio agli interessi della reclamante creditrice di elevati importi. (Giovanni Carmellino) (riproduzione riservata)


Il testo integrale