Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 14865 - pubb. 28/04/2016

Accordi di ristrutturazione dei debiti e ricorribilità per cassazione del decreto della corte d'appello che respinge il reclamo avverso il diniego di omologazione

Cassazione civile, sez. I, 20 Aprile 2016, n. 7958. Est. Didone.


Accordo di ristrutturazione dei debiti - Omologazione - Reclamo - Reiezione - Ricorribilità per cassazione - Rimessione della questione alle Sezioni unite



La Prima Sezione ha rimesso al Primo Presidente, per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, la questione, ritenuta di massima di particolare importanza, se il decreto reiettivo del reclamo avverso il diniego di omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. sia o meno ricorribile ex art. 111 Cost.

Con ordinanza n. 3472 del 2016 la Prima Sezione aveva rimesso gli atti al Primo Presidente per l'eventuale rimessione alle Sezioni unite sollecitando una pronuncia chiarificatrice e "una valutazione comparativa delle diverse ipotesi di cui agli articoli 162, 173, 179, 180 della legge fallimentare in relazione alle diverse fattispecie concrete che, in assenza di dichiarazione di fallimento, potrebbero dar luogo al ricorso per cassazione ex art 111 Cost.". Ciò ha indotto la Prima Sezione a rimettere la causa al Primo Presidente per la medesima finalità, trattandosi anche di questione di massima di particolare importanza e occorrendo chiarire se il decreto reiettivo del reclamo avverso il diniego di omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti ex art. 182 bis l.fall. sia o meno ricorribile ex art. 111 Cost. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Segnalazione della Dott.ssa Paola Castagnoli


Il testo integrale