Diritto Societario e Registro Imprese


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13467 - pubb. 08/10/2015

L’adozione di correttivi per la redazione del bilancio di società in liquidazione e le irregolarità che ne determinano l’invalidità della deliberazione di approvazione

Tribunale Roma, 14 Aprile 2014. Est. Clelia Buonocore.


L’adozione di correttivi per la redazione del bilancio di società in liquidazione e le irregolarità che ne determinano l’invalidità della deliberazione di approvazione



Il bilancio di società in liquidazione tanto le disposizioni codicistiche  quanto i principi contabili prevedono l’adozione di “correttivi”, imposti dal mutamento dei criteri di valutazione delle poste di bilancio, conseguente all’avvio della fase di liquidazione; in particolare, il Tribunale ha precisato che la rilevazione dei costi e dei ricavi non deve più essere effettuata nell’ottica della continuazione dell’attività di impresa (going concern), bensì in quella della dismissione del patrimonio sociale.
Pertanto, nella valutazione ed iscrizione in bilancio dei beni sociali non può farsi applicazione del disposto dell’art. 2423 bis, n.1) e dell’art. 2424 c.c. ma, al contrario, i cespiti e le attività che compongono il patrimonio della società devono essere appostati tenendo presente l’importo che i liquidatori verosimilmente potranno realizzare all’atto della relativa dismissione.
L’invalidità della delibera di approvazione del bilancio - in forza del c.d. principio di rilevanza - sussiste solo nel caso in cui le irregolarità nell’esposizione delle poste siano tali da nuocere effettivamente alla funzione informativa del bilancio, in relazione alla situazione economica, patrimoniale e finanziaria che è oggetto di rappresentazione; diversamente, nessuna conseguenza può riconnettersi ad un vizio che risulti privo di effettiva incidenza sulla rappresentazione della situazione patrimoniale della società e del risultato economico di esercizio. (Nicolò Piccaluga) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Nicolò Piccaluga


Il testo integrale