Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 11919 - pubb. 19/01/2015

Privilegio artigiano: riferimento formale e sostanziale alla legge n. 443 del 1985 e rilevanza dei costi per l'acquisto delle merci

Tribunale Ravenna, 23 Dicembre 2014. Est. Farolfi.


Privilegi - Impresa artigiana - Riferimento formale e sostanziale alla legge n. 443 del 1985 - Rilevanza dei costi per l'acquisto di merci



La recente novella apportata all’art. 2571 bis n. 5 l.f. (modificato con l’art. 36 del D.L. 9 febbraio 2012, n. 5, entrato in vigore il 10 febbraio 2012) impone all’interprete di ricostruire la nozione di impresa artigiana non tanto alla luce dell’art. 2083 c.c. quanto, piuttosto, con riferimento ai criteri contenuti nella nota legge n. 443 del 1985.

Tale riferimento è ad un tempo formale (iscrizione all’albo, numero massimo di diepdenti, ecc.) e sostanziale (prevalenza del costo per il lavoro sul costo legato agli aspetti organizzativi, gestionali e di capitale) non potendosi a tal fine omettere di valorizzare i costi per l’acquisto di merci oggetto di lavorazioni e servizi, né – al contrario – limitarsi a considerare una sola frazione non meglio precisata del capitale circolante o i soli ammortamenti dell’esercizio in cui il credito oggetto di insinuazione è maturato. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale