Separazione e Divorzio


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13390 - pubb. 23/09/2015

L’assegno di mantenimento va pagato anche d’estate, pure se i figli stanno con il papà

Tribunale Milano, 01 Luglio 2015. Est. Buffone.


Separazione – Assegno di mantenimento dei figli – Versamento in dodici mensilità – Sospensione dell’assegno nel mese di agosto quando la prole sta con il padre – Esclusione



Il giudice della famiglia, regolando la contribuzione del genitore non convivente, stabilisce una somma astratta in una unica soluzione, quantificandola, sostanzialmente, in moneta: ogni anno, in via anticipata, il padre è tenuto a versare alla madre l’importo stabilito. Trattandosi di un onere rilevante, al solo fine di agevolare il debitore, il giudice può, però, stabilire che il pagamento avvenga in misura rateale o frazionata, in linea con la previsione che può assistere le obbligazioni pecuniarie in generale. Ciò soprattutto dove sia lo stesso debitore a richiederlo. Da qui la prassi di fissare l’assegno di mantenimento dei figli secondo rate mensili (12). Ne consegue che nessuna sospensione o riduzione per il mese di agosto (o estivi in genere) è ipotizzabile poiché quell’importo non costituisce altro se non la “rata” della somma globale che va somministrata per quella periodicità. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Buffone


Il testo integrale