Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 6675 - pubb. 09/11/2011

Concordato preventivo e legittimazione del pubblico ministero ad impugnare la liquidazione dei compensi al professionista incaricato della verifica delle scritture contabili

Cassazione civile, sez. I, 22 Luglio 2011, n. 16136. Est. Zanichelli.


Fallimento e procedure concorsuali - Concordato preventivo - Consulenza sulle scritture contabili e la documentazione liquidazione del compenso da parte del giudice delegato - Reclamo al tribunale - Legittimazione del pubblico ministero - Spettanza - Insussistenza.



Il Pubblico Ministero, nel concordato preventivo riformato, non è parte necessaria della procedura e la comunicazione, a tale organo, della domanda del debitore non vale a conferirgli alcuna legittimazione generale all’impugnativa degli atti di liquidazione dei compensi, nella specie riconosciuti dal giudice delegato al professionista incaricato di verificare le scritture contabili e la documentazione del ricorso, e ciò per il principio di specialità del procedimento ex art. 26 legge fallim. che, per tali controversie, prevale sulla disciplina di cui all’art.11, comma 5, della legge 8 luglio 1980, n.319 (ora sostituito dal d.P.R. 30 maggio 2002, n.115). (massima ufficiale)


Massimario Ragionato



Il testo integrale