Diritto Civile


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25720 - pubb. 24/07/2021

Requisiti formali della 'datio in solutum'

Cassazione civile, sez. II, 22 Giugno 2021, n. 17810. Pres. San Giorgio. Est. Carrato.


“Datio in solutum” – Disciplina applicabile – Conseguenze – Prestazione sostitutiva dell’obbligo di trasferimento immobiliare – Forma – Fattispecie



La "datio in solutum", costituendo un contratto a titolo oneroso solutorio-liberatorio, che estingue l'obbligazione in modo satisfattivo, è assoggettata alla disciplina generale dei contratti, con la conseguenza che deve essere rispettata la forma che attiene alla natura della prestazione oggetto di dazione. (Nella specie la S.C. ha ritenuto che la pattuizione intercorsa tra le parti di un contratto di trasferimento immobiliare, parzialmente modificativa di questo ed avente ad oggetto il trasferimento, quale modalità di pagamento, di una somma di denaro in sostituzione dell'immobile convenuto, per essere ricondotta ad una valida "datio in solutum" deve osservare la medesima forma scritta "ad substantiam", richiesta dall'art. 1350 c.c. per l'originario trasferimento immobiliare). (massima ufficiale)


Il testo integrale