Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25538 - pubb. 25/06/2021

I requisiti per assoggettare a fallimento l'impresa sociale

Tribunale Siracusa, 05 Maggio 2021. .


Impresa sociale – Natura – Fallimento – Presupposti – Società cooperativa



L'impresa sociale rappresenta un tertium genus che non è né impresa commerciale, né impresa agricola, ma, appunto, "sociale", ossia impresa caratterizzata da mutualità esterna, ovvero a beneficio della collettività, e sottoposta ad un regime speciale, che ne esclude la fallibilità, in ragione del riconoscimento legislativo dell'idoneità dell'attività esercitata a soddisfare interessi di carattere generale.

Da tale considerazione discende che per assoggettare un'impresa sociale a fallimento non ci si possa limitare a dimostrare l'astratto carattere commerciale dell'attività svolta (posto che all'interno dell'elenco delle attività di cui all'art. 2 del D.Lgs. 112/2017 rientrano attività espressamente commerciali, come ad esempio "lett. o): attivita' commerciali, produttive, di educazione e informazione, di promozione, di rappresentanza, di concessione in licenza di marchi di certificazione, svolte nell'ambito o a favore di filiere del commercio equo e solidale"), bensì debba dimostrarsi l'insussistenza dei requisiti per ritenere l'impresa di natura sociale, unico elemento che potrebbe consentire di escludere l'applicabilità dell'art. 14 ,2 comma, D.Lgs. n. 122 del 2017.

Se è vero, infatti, che il fine mutualistico non esclude in sé la natura di imprenditore commerciale di una cooperativa, atteso che l'art. 2545 terdecies c.c. ne prevede espressamente la fallibilità, la questione della sottoponibilità al fallimento della cooperativa sociale, come ben evidenziato dalla resistente, è oggi posta in discussione in ragione di quanto previsto dall'art. 14, 2 comma, D.Lgs. n. 122 del 2017, che anche per le imprese sociali aventi forma di cooperativa sembra imporre la sottoposizione a liquidazione coatta amministrativa. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Massimario Ragionato



Il testo integrale