Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 21486 - pubb. 05/04/2019

Variazioni di consistenza delle singole unità immobiliari e mancato adeguamento delle tabelle millesimali

Cassazione civile, sez. II, 31 Marzo 2017, n. 8520. Est. Lombardo.


Variazioni di consistenza delle singole unità immobiliari - Mancato adeguamento delle tabelle millesimali - Ripartizione delle spese in base alle tabelle vigenti

Tabelle millesimali - Funzione - Incidenza sui diritti reali dei singoli condomini - Esclusione



In tema di condominio di edifici, qualora le tabelle millesimali allegate al regolamento condominiale contrattuale non abbiano formato oggetto di modifica con il consenso unanime di tutti i condomini, ovvero con sentenza del giudice ex art. 69 disp. att. c.c., nonostante le variazioni di consistenza o di destinazione delle singole unità immobiliari, la ripartizione delle spese condominiali va effettuata in conformità alle tabelle stesse, salva la facoltà del condomino, richiesto del pagamento della quota di pertinenza, di proporre domanda, anche riconvenzionale, di revisione o modifica delle tabelle ai sensi del citato art. 69 nei confronti di tutti i condomini. (massima ufficiale)

In tema di condominio, le tabelle millesimali hanno funzione accertativa e valutativa delle quote condominiali, al fine di ripartire le relative spese e stabilire la misura del diritto di partecipazione alla volontà assembleare, ma non incidono sui diritti reali spettanti a ciascun condomino. (massima ufficiale)


Il testo integrale