Diritto Societario e Registro Imprese


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 16834 - pubb. 03/03/2017

Il credito per compenso dell'amministratore di società, anche se di nomina giudiziaria, non è assistito dal privilegio

Cassazione civile, sez. I, 21 Febbraio 2017, n. 4406. Est. Maria Acierno.


Amministratore di società – Compenso – Privilegio generale di cui all'art. 2751-bis, n. 2, cod. civ. – Esclusione



Il credito costituito dal compenso in favore dell'amministratore di società, anche se di nomina giudiziaria, non è assistito dal privilegio generale di cui all'art. 2751-bis, n. 2, cod. civ., atteso che egli non fornisce una prestazione d'opera intellettuale, né il contratto tipico che lo lega alla società è assimilabile al contratto d'opera, di cui agli artt. 2222 e ss. cod. civ. non presentando gli elementi del perseguimento di un risultato, con la conseguente sopportazione del rischio, mentre l' “opus" (e cioè l'amministrazione) che egli si impegna a fornire non è, a differenza di quello del prestatore d'opera, determinato dai contraenti preventivamente, né è determinabile aprioristicamente, identificandosi con la stessa attività d'impresa. (Cass. 27/2/2014 n. 2729; 18/5/2007 n. 11652; 24/4/2004 n. 9911). (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale