Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 13802 - pubb. 09/12/2015

Riconoscimento del privilegio alla associazione professionale: presupposti, personalità del rapporto d'opera e conferimento dell'incarico al singolo professionista

Tribunale Padova, 20 Novembre 2015. Pres., est. Maria Antonia Maiolino.


Privilegio ex art. 2751 bis, n. 2, cod. civ. - Associazione professionale - Presupposti - Personalità del rapporto d'opera professionale - Incarico conferito ai singoli professionisti e non allo studio associato - Fattispecie



La proposizione della domanda per ottenere l'ammissione al passivo fallimentare da parte di uno studio associato lascia presumere l'esclusione della personalità del rapporto d'opera professionale, e, dunque, l'inesistenza dei presupposti per il riconoscimento del privilegio di cui all'art. 2751 bis, n. 2, cod. civ., salva l'allegazione e la prova della cessione del credito della prestazione professionale svolta personalmente dal singolo associato.

A prescindere che il professionista incaricato sia o meno inserito in una struttura associata, per il riconoscimento del privilegio è necessario verificare se l’incarico professionale sia stato conferito al singolo professionista o ad una pluralità di professionisti tutti singolarmente destinatari del mandato. (Nel caso di specie, il conferimento di incarico era rivolto a quattro avvocati, senza che si possa affermare che i destinatari del mandato fossero specificamente i quattro legali e non piuttosto i quattro professionisti in quanto associati allo studio associato; inoltre, il preavviso di fattura relativo all’attività oggetto di incarico era intestato allo studio associato e non a singoli professionisti e, pur riportando una descrizione delle attività svolte estremamente analitica, non riportava alcuna indicazione dei singoli legali che si sarebbero occupati delle specifiche attività, a conferma dell’irrilevanza nell’ambito dello studio di quale professionista si fosse dedicato ai singoli compiti). (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale