Separazione e Divorzio


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 8772 - pubb. 10/04/2013

Annullamento per errore del matrimonio contratto dalla moglie nell'ignoranza dell'omosessualità del marito

Tribunale Milano, 13 Febbraio 2013. Pres., est. Canali.


Matrimonio contratto dalla moglie ignorando la omosessualità del marito – Annullamento – Sussiste – Per errore sulla identità – Sussiste – Per sussistenza di anomalia o deviazione sessuale – Esclusione.



Il matrimonio contratto dal coniuge (nel caso di specie: la moglie), nell’ignoranza circa l’omosessualità del partner (nel caso di specie: il marito), da questi taciuta, è annullabile per errore. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)
 
Tuttavia, l’annullamento non può essere richiesto ai sensi dell’art. 122 comma III n. 1 c.c., in quanto l’errore non riguarda una malattia o anomalia o deviazione sessuale, nessun lessico giuridico, medico, sociale ed etico collocando la omosessualità in tale paradigma nosografico; l’annullamento può essere richiesto ai sensi dell’art. 122 comma II c.c., in quanto l’errore cade sulla ‘identità sessuale’ del consorte, che ne definisce l’orientamento e la direzione del comportamento sessuale e che non è, né può essere, una mera ‘qualità’ della persona ma ne indica uno degli aspetti che costituiscono, compongono, definiscono la sua identità complessiva, la specifica individualità, la sua soggettività. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Il testo integrale