Separazione e Divorzio


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 17026 - pubb. 04/04/2017

L’alienazione genitoriale non è una 'patologia' ma un comportamento illecito: condanna ex art. 96 comma III c.c. per l’alienante

Tribunale Milano, 11 Marzo 2017. Est. Buffone.


Alienazione genitoriale – Strumento processuale utilizzato dal genitore alienante – Condanna ex art. 96 comma III c.c. – Sussiste



Il termine alienazione genitoriale – se non altro per la prevalente e più accreditata dottrina scientifica e per la migliore giurisprudenza – non integra una nozione di patologia clinicamente accertabile, bensì un insieme di comportamenti posti in essere dal genitore collocatario per emarginare e neutralizzare l’altra figura genitoriale; condotte che non abbisognano dell’elemento psicologico del dolo essendo sufficiente la colpa o la radice anche patologia delle condotte medesime. In caso di azione infondata posta in essere dal genitore che abbia attuato comportamenti alienanti, si impone una pronuncia di condanna ex art. 96 comma III c.p.c., registrandosi un grave abuso dello strumento processuale. In particolare, l’azione promossa dalla madre, la quale proponga ricorso contro il padre, per questioni relative ai figli, e risulti poi essere l’autrice di comportamenti alienanti, è da ritenere processualmente viziata da colpa grave e come tale meritevole di sanzione ex art. 96 comma III c.p.c. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata)


Segnalazione del Dott. Giuseppe Buffone


Il testo integrale