Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 25420 - pubb. 08/06/2021

Recesso anticipato deliberato dall’assemblea dal contratto di manutenzione dell’impianto ascensore

Cassazione civile, sez. II, 28 Aprile 2021, n. 11200. Pres. Rosa Maria Di Virgilio. Est. Scarpa.


Contratto di manutenzione dell’impianto ascensore - Recesso anticipato deliberato dall’assemblea - Controversia instaurata dall’appaltatore - Legittimazione dell'amministratore ad essere convenuto nonché a proporre impugnazione - Sussistenza - Fondamento



In tema di condominio negli edifici, ove l'assemblea abbia deliberato il recesso anticipato dal contratto di manutenzione dell'ascensore, spettano all'amministratore tanto la legittimazione passiva, quanto la facoltà di impugnare la sentenza resa nella controversia instaurata dall'appaltatore e volta a conseguire la declaratoria di illegittimità del recesso, nonché la condanna del condominio al pagamento dei canoni fino alla naturale scadenza contrattuale, senza che occorrano l'autorizzazione o la ratifica dell'assemblea, necessarie per le sole cause che esorbitano dalle attribuzioni dello stesso amministratore, ex art. 1131, commi 2 e 3, c.c., ma non per quelle che vi rientrano perché, come nella specie, attinenti all'esecuzione delle delibere assembleari, ex art. 1130, n. 1, c.c. (massima ufficiale)


Il testo integrale