Diritto Bancario


Il Caso.it, Sez. Giurisprudenza, 4687 - pubb. 23/05/2011

Segnalazione alla centrale rischi, contraddittorio con il cliente, danno all''immagine e non patrimoniale

Tribunale Bari, 19 Maggio 2011. Est. De Palma.


Segnalazione a sofferenza alla Centrale Rischi della Banca d’Italia - Attenta valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente da parte della banca - Instaurazione del contraddittorio con il cliente - Necessità - Condizioni.

Risarcimento del danno non patrimoniale per lesione dell’immagine dell’ente collettivo come conseguenza della illegittima segnalazione - Natura di danno-conseguenza - Prova per presunzioni - Ammissibilità.



La banca deve procedere con l'attenta valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente  debitore prima di effettuare la segnalazione a sofferenza alla Centrale Rischi della Banca d’Italia. Nell’effettuare siffatta attenta valutazione la banca è tenuta, ove necessario, anche ad instaurare il contraddittorio con il cliente e segnatamente nei casi in cui la sua situazione finanziaria appaia complessa, nel senso che non si manifesti palesemente pregiudicata al punto da poter ritenere senz’altro a rischio la riscossione del credito. (Michele De Palma) (riproduzione riservata)

Qualora per effetto della illegittima segnalazione alla Centrale Rischi della Banca d’Italia si verifichi la lesione dell’immagine dell’ente è risarcibile, oltre al danno patrimoniale, se sussistente e provato, anche il danno non patrimoniale costituito dalla diminuzione della considerazione dell'ente sia sotto il profilo della incidenza negativa che tale diminuzione comporta nell'agire delle persone fisiche che ricoprano gli organi della persona giuridica e, quindi, nell'agire dell'ente, sia sotto il profilo della diminuzione della considerazione da parte dei consociati in genere, o di settori o categorie di essi, con le quali l'ente di norma interagisca. Tale danno-conseguenza può essere provato anche mediante il ricorso a presunzioni. (Michele De Palma) (riproduzione riservata)


Il testo integrale