Massimario Ragionato Fallimentare

a cura di Franco Benassi
apri l'articolo del codice

Articolo 172 ∙ (Operazioni e relazione del commissario)


Modifiche al piano
Tutte le MassimeCassazione
Attività del commissario giudizialeModifiche al pianoInventarioPagamento del 20% dei creditori chirografariVeridicità dei dati aziendaliRapporto con la relazione del professionista attestatoreInformazione ai creditoriAzioni risarcitorie, recuperatorie o revocatorieInformazione sulle deteriori possibilità di soddisfazioneContradditorio con il proponenteGruppo di impreseRettifiche del commissario giudizialeAccertamento dei creditiAtti di frodeConcorso in bancarotta del commissario gudizialeAusilio di espertiRisoluzione del concordatoCompenso del commissario giudiziale


Modifiche al piano

Concordato preventivo – Modifiche al piano – Covid-19 – Effetti – Nuova ammissione alla procedura
L’art 172 l.f. consente al debitore di apportare modifiche al piano concordatario fino a quindici giorni prima dell’adunanza dei creditori, senza distinguere tra modifiche migliorative o peggiorative, al fine di evitare che il calcolo delle maggioranze si fondi su voti espressi in riferimento ad un piano diverso da quello destinato ad essere effettivamente eseguito (Cass. 8575/2015).

Deve tuttavia escludersi che ove tale facoltà venga esercitata successivamente al decreto di apertura previsto dall’ art. 163 l.f. si determini una regressione della procedura implicante la necessità di una “nuova ammissione” ( Cass. 495/2015), né può ritenersi che il disposto dell’art 9, comma 2, D.L. 23/2020, volto a disciplinare la facoltà di modifica della proposta concordataria nel periodo dell’emergenza epidemiologica da Covid 19, abbia apportato significative innovazioni al riguardo. (Redazione IL CASO.it) (riproduzione riservata) Tribunale Parma, 07 Giugno 2021.